FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Primo Piano > I Comites : Il tuo voto conta ! > Diritti e difesa italiani in Francia

Circoscrizione di Parigi

Diritti e difesa italiani in Francia

Unico caso di presentazione di due liste nella stessa circoscrizione, la lista n. 1, “Diritti e difesa degli italiani in Francia” ricalca quella del Comites uscente : bilanci e prospettive.

Tra i candidati troviamo Giovanni Notarianni, capolista (ed eletto) di sempre, all’ultima tornata della lista n. 4 insieme ad Alberto Vizzacchero, che si ripresenta. Troviamo anche l’attuale presidente, Mariano Porpiglia e l’attuale segretario, Teodoro Bartuccio, entrambi candidati (ed eletti) con la lista numero 1 del 2004. Già tre di questi quattro candidati rappresentano una bella fetta di comunità italiana : l’associazione “Laziali nel mondo” di Vitry sur Seine, “Calabria mia”, operativa tra Vitry et Villejuif, “Drancitalia”, di Drancy, appunto, cui vanno ad aggiungersi gli “Amici di Gallinaro” di Vigneux-Sur-Seine (Essonne) con il loro presidente Amerigo Apruzzese, e i fan di Raffaele d’Agostino, anche lui ciociaro doc, che anima la trasmissione Cappuccino la domenica mattina tra dediche dei classici del liscio e della “fisa” e radiogiornale in italiano. Tra gli altri candidati spiccano i ciociari (14 candidati, tra prime e seconde generazioni) ma sono rappresentate anche alcune regioni del Sud Italia. Associazioni e personalità che riescono ancora oggi a riunire intorno a musica e il buon cibo di una volta parecchie centinaia di persone. Anzi, tra le attività del Comites uscente Porpiglia cita un gruppo pugliese fatto venire l’anno scorso e due edizioni del Premio canoro Mia Martini “costato al Comites quasi nulla” precisa il presidente.
Scelta difficile quella di (ri)candidarsi al Comites, in particolare per Mariano Porpiglia e Teodoro Bartuccio che hanno vissuto in prima persona le difficoltà del Comites di Parigi sul quale i “tempi supplementari” del rinnovo che non arrivava mai sono stati particolarmente inclementi. “Il locale del Comites è stato venduto durante il mandato, il nuovo proprietario ha applicato delle tasse che il precedente non chiedeva e ci siamo trovati con 40.000 euro di debiti” racconta Porpiglia. A forza di avvocati e di negoziazioni sono riusciti a dimezzare il debito e poi pagarlo ma questo ha “mangiato tutta l’energia”.
Perché insistere allora ? “Per cambiare il Comites !”, risponde lui senza esitazione. Cambiare la legge elettorale per il rinnovo di questo organo di rappresentanza, dargli più notorietà e più potere, questo è quello che intende fare se è eletto, facendo pressione direttamente su deputati e senatori eletti all’estero (il breve preludio dell’Intercomites si è trasformato secondo lui in “turismo” puro e semplice in cui non si va mai fino in fondo a nessuna questione).
I punti del programma sono quasi tutti enunciati nel titolo della lista : intendono lavorare sui diritti civili degli italo-parigini, sulla scuola, sull’assistenza sociale e sui rapporti con il Consolato, che non possono più essere solo “a senso unico” : loro hanno provato a comunicare ma non li ha mai ascoltati nessuno presso le autorità locali. Questione di “potere”, magari anche del potere rappresentativo che un Comites può avere quando è ai tempi supplementari da 4-5 anni.
Ma anche questione di persone : stavolta si sono scelti una squadra in base alla loro disponibilità, ci si candida perché ci si impegna a dare del tempo alla causa. “Ma solo 5 donne ?” chiedo. “Loro hanno la famiglia, i bambini, hanno meno disponibilità di tempo…”. E i giovani ? Insisto calcolando l’età media a 57 anni e guardando agli unici 2 nomi under-40 (Stéphanie Verrecchia e Thomas Acciari appena trentunenne). “Se ne fregano”, chiosa il presidente uscente, cioè hanno altro a cui pensare, la carriera, metter su famiglia forse, il divertimento…
Meno male che c’è chi ci pensa per loro.

I candidati

NOTARIANNI Giovanni Vallerotonda (FR) 25/06/1950
VERRECCHIA Roberto Vallerotonda (FR) 09/08/1957
VELARDO Fortunato Cassino (FR) 12/08/1947
BARTUCCIO Teodoro Rizziconi (RC) 27/04/1943
VALERIO Sistino Filignano (IS) 28/05/1945
CAIA Claudio Siracusa (SR) 04/06/1960
VERRECCHIA Stéphanie Vitry-sur-Seine 15/03/1978
ANTONELLI Orlando Acquafondata (FR) 30/10/1952
IAFRATE Lidia Choisy-le-Roy 25/04/1959
D’AGOSTINI Domenico Raffaele Casalvieri (FR) 11/06/1944
APRUZZESE Amerigo Gallinaro (FR) 01/08/1951
REA Stéphanie Thiais 26/02/1972
MAZZINI Marco Roma (RM) 04/08/1963
PORPIGLIA Mariano Vitry-sur-Seine 14/01/1959
DAMIANO Federico Manfredonia (FG) 26/04/1953
ACCIARI Thomas Pontremoli (MS) 26/12/1983
VIZZACCHERO Alberto Sant’Elia Fiumerapido (FR) 22/09/1949
BENACQUISTA Pierino Fontechiari (FR) 02/12/1946
SIRIANNI Filippo Isola di Capo Rizzuto (CZ) 10/05/1956
CORI Adelaide Acuto (FR) 30/05/1966
GIORDANO Claudio Aubervilliers 22/09/1962
DI CIACCO Claudia Acquafondata (FR) 03/02/1955

samedi 29 novembre 2014, par Patrizia Molteni