FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Primo Piano > I Comites : Il tuo voto conta ! > Italiani cittadini d’Europa

Circoscrizione di Chambéry

Italiani cittadini d’Europa

Lista unitaria anche a Chambéry, dove Graziano del Treppo, presidente uscente e candidato per l’ultimo mandato, ammette che non hanno avuto tempo né di trovare tante facce nuove (sono comunque la metà le new entries) né di fare un programma come si deve, cosa che faranno nelle prossime settimane.

Una lista che si inserisce nella continuità, con candidati piuttosto maturi, ma un Comites uscente che vanta azioni in favore della comunità savoiarda di grande qualità ed impegno. Hanno ottimi rapporti con le autorità francesi, usufruiscono di un locale alla Maison des Associations e soprattutto hanno ottenuto, da Regione, Comune e Fondo di coesione sociale, 20.000 all’anno per 4 anni per un progetto di ricerca per salvaguardare la memoria dell’emigrazione italiana in Savoia, sfociato in una mostra (in collaborazione con gli Archivi dipartimentali) e in un libro : Espérons que/Speriamo che - 150 anni di emigrazione italiana. Sempre sul tema hanno aiutato una ricercatrice romana a fare il primo studio sulle naturalizzazioni degli italiani in Francia. Hanno ottenuto che il rinomato festival del cinema italiano di Annecy venisse a Chambéry per la Quinzaine du cinéma italien : “non so se conosce le strade qui ma la gente la sera non si fa 50 chilometri per andare al cinema a Annecy, era più giusto così e con la Mairie e un paio di cinema abbiamo organizzato la cosa”, commenta Del Treppo. Per altro hanno uno specialista in lista : Mario Scuteri, giovane critico cinematografico e docente universitario.
E parlando di strade hanno combattuto per anni una battaglia, “persa” questa volta, per le comunicazioni ferroviare tra la Savoia e la Francia : “quello che interessa alle ferrovie è di portare i milanesi e torinesi a Parigi e i parigini a Torino e Milano e noi stiamo a guardare i treni ad alta velocità passarci davanti senza poterne usufruire”, dice il presidente uscente. Oggi SNCF-Voyage Italia fa fermare i TGV anche a Lione e Chambéry ma sinceramente non è una battaglia che hanno vinto loro e continua ad esserci una mancanza di collegamento nelle valli, in particolare da quando i treni non passano più da Modane.
Tra le vittorie annoverano anche l’applicazione della convenzione franco-italiana per evitare la doppia imposizione : succede infatti che la pensione per esempio sia tassata alla fonte in Italia e poi aggiunta alla pensione francese e tassata di nuovo, anche perché in città dove ci sono pochi pensionati italiani i funzionari non sempre conoscono la convenzione. In alcuni casi sono arrivati anche al contenzioso, “contro i francesi” e hanno vinto.
Sono anche uno dei pochi Comites ad aver capito l’importanza della comunicazione : lo stesso Del Treppo collabora con il Dauphiné libéré e per loro ha curato per anni la rubrica “Le coin des italiens”, così come Campana nostra, testata cattolica locale piuttosto seguita, pubblica regolarmente lo stato d’arte delle loro battaglie e delle loro iniziative.
Insomma non avranno ancora avuto tempo di fare un programma ma l’impegno a continuare a difendere e tutelare la comunità italo-savoiarda c’è tutto.

I candidati

DEL TREPPO Graziano Pola 26/06/1944
CAPRIOGLIO Angela Rosignano Monferrato 10/02/1953
FAIJA SalvatoreTorella dei Lombardi 01/06/1945
ANGIUS in PETRETTO Anna Pozzomaggiore 19/08/1953
CAPUTO Giuseppe Barrafranca 26/02/1935
CECCON Lucien François Gaston Cran Gevrier 01/01/1936
CHIERA Gabriella Annecy 10/09/1969
DALLA COSTA in CAVALLO Ada Bassano del Grappa 19/02/1947
ESPOSITO in DI CUFFA Caterina Amendolara 15/06/1939
MORTARO Mario Luigi Voghera 27/10/1938
PALUMBO Sergio Cosenza 12/11/1963
RAGUZZI Marina Montmelian 29/03/1960
RIZZO Giuseppe Barrafranca 04/06/1954
SCAFURI Matteo Salerno 03/09/1938
SCUTERI Mario Locri 09/06/1983
TONA Giuseppe Milena 26/05/1942

jeudi 27 novembre 2014, par Patrizia Molteni