FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Associazioni > Focus sulle Associazioni > L’insegnamento & i disabili

L’insegnamento & i disabili

Dal Co.A.L.C.It. di Nizza

Il Progetto europeo Comenius S.E.P.I.A. (Stratégies Educatives Pour une Insertion Adaptée), al quale hanno partecipato insegnanti ed alunni di Italia, Francia e Portogallo, ha visto coinvolta, per la Francia l’associazione Co.A.L.C.It. Tema del progetto : “Accogliere lo studente diversamente abile nelle Istituzioni scolastiche. Come partecipa la scuola al progetto di vita dell’adolescente ?”.
Da alcuni anni la Francia e l’Italia hanno messo in atto una serie di azioni che permettono di accogliere gli studenti diversamente abili nelle Istituzioni scolastiche. L’Italia possiede a riguardo una lunga esperienza di accoglienza di tali soggetti nell’ambito scolastico integrandoli nelle classi e contribuendo a costruire, in collaborazione con le famiglie, un progetto di vita che vada al di là del solo aspetto pedagogico. La Francia, dopo aver creato delle strutture di accoglienza adattate o specializzate, mette in atto solo ora una politica di integrazione. Lo scambio di esperienze e la condivisione di queste politiche può condurre a migliorare le modalità pratiche di accoglienza e far beneficiare gli allievi di una migliore integrazione scolastica così come di un migliore inserimento nel mondo professionale.
Al progetto S.E.P.I.A., iniziato nel 2008 e conclusosi nel 2010, hanno partecipato per l’Italia l’Istituto professionale di Stato per l’Agricoltura di Sanremo, il liceo scientifico e classico Aprosio e l’I.S.I.S.S. Fermi di Ventimiglia.
Il contributo del Co.AL.C.It. al progetto, oltre al sostegno organizzativo e alla partecipazione alle giornate di lavoro nei diversi paesi, si è concretizzato sostanzialmente in una formazione linguistica adattata rivolta agli allievi dell’Unité Pédagogique d’Insertion (U.P.I.) del College de L’Archet di Nizza.
Gli alunni per la prima volta si sono avvicinati ad una lingua straniera, hanno imparato delle nozioni semplici e un vocabolario elementare, tuttavia sufficiente a mettere in atto la parte applicativa del progetto in un’ottica di inserimento degli alunni nella vita professionale.
Il Co.AL.C.It., avvalendosi della collaborazione di alcune ditte liguri, ha organizzato visite e brevi tirocini degli alunni presso piccole e medie imprese della Liguria, che hanno suscitato nei ragazzi vivo interesse ed un’entusiastica partecipazione. Particolarmente apprezzate per la gentile e cordiale accoglienza sono state le visite alle ditte Fratelli Carli e Grafiche Amadeo di Imperia, che hanno fornito ogni possibile assistenza ed aiuto per rendere più agevole la permanenza degli alunni nelle loro strutture. I lavori della giornata conclusiva con la presentazione degli elaborati dei partecipanti, che verranno in seguito pubblicati, si sono svolti presso la sede del Consolato Generale d’Italia a Nizza, alla presenza delle autorità accademiche locali e italiane.
Marianna Giuliante

IL Co.AL.C.It
Il Comitato per le Attività Linguistiche e Culturali Italiane (Co.A.L.C.lt.) è un’associazione sostenuta dal Ministero degli Affari Esteri italiano e dal Conseil Général des Alpes Maritimes, che ha per obiettivo la diffusione della lingua e della cultura italiana nella regione delle Alpi Marittime. Le principali attività svolte sono : l’insegnamento della lingua italiana nella scuola francese in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia, l’Inspection d’Académie e il Conseil Général des Alpes Maritimes, la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti d’italiano, in collaborazione con il Rectorat di Nizza e l’I.U.F.M., gli scambi tra istituzioni scolastiche italiane e francesi, i corsi di italiano per adulti, l’organizzazione di iniziative culturali destinate soprattutto agli alunni delle scuole (incontri con l’autore, conferenze, spettacoli teatrali per bambini e ragazzi ecc.).
Tutte le iniziative sul sito del Co.A.L.C.It.

samedi 9 octobre 2010