FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Primo Piano > L’acqua è di tutti - 2 volte sì > Roma e l’acqua tra mito e storia

Roma e l’acqua tra mito e storia

Roma, fin dalle origini, è stata profondamente legata all’acqua, sempre presente come figura principale della sua storia. Ancora oggi, passeggiando per Roma, si è colpiti dalla presenza dell’acqua.

JPEG - 39.6 ko
foto di Francesca Perugini

Il fiume Tevere la attraversa da nord a sud con i suoi ponti ricchi di storia e facili punti di riferimento per cittadini e visitatori (da Ponte Milvio a Ponte S. Angelo, da Ponte Sisto al Ponte Fabricio, dal Ponte Rotto al Ponte Palatino per non citare che i più interessanti), con la sua isola a forma di nave (Isola Tiberina) e con i suoi muraglioni costruiti a fine Ottocento, ora che Roma era diventata capitale d’Italia, per eliminare il problema delle catastrofiche piene che regolarmente inondavano la città. Ma non solo l’acqua del Tevere scorre incessante a Roma. Centinaia di fontane monumentali costruite principalmente all’epoca della Roma dei Papi, ex novo o su fontane preesistenti di età classica, fanno parte integrante dell’arredo urbano cittadino e segnano, con la loro presenza forte, momenti e avvenimenti precisi della storia della città. E, infine, i 276 « nasoni », fontanelle in ghisa di acqua potabile, anch’esse costruite dopo l’Unità d’Italia, che forniscono ancora oggi ottima acqua fresca a volontà e fanno sì che a Roma l’acqua sia considerata un diritto allo stesso titolo dell’aria che respiriamo. Questo per quanto riguarda l’acqua visibile oggi a Roma. Ma in molti punti della città rovine monumentali oggi mute ci ricordano la presenza di acque antiche : in particolare gli acquedotti e le terme imperiali. Non è da dimenticare neanche l’articolato sistema fognario della città di cui ancora oggi si vedono i resti (la Cloaca Massima che sbocca nel Tevere). Dalla Roma imperiale alla Roma dei Papi fino a Roma capitale del regno unitario, sempre ai romani è stata elargita acqua potabile e sempre i diversi governanti della città hanno utilizzato l’acqua per affermare anche a livello simbolico il loro potere e ingraziarsi i favori della popolazione.

L’articolo completo è pubblicato sul numero 10 di Focus In, pagine 21-23.

Foto e testi di Francesca Perugini
Il contenuto di questo articolo è un breve riassunto del tema di un soggiorno culturale in italiano organizzato a Roma (ottobre 2010) dall’Association Polimnia- Scuola di lingua e cultura italiana. Tutto il programma dei soggiorni culturali in Italia su www.polimnia.eu

samedi 9 avril 2011, par Francesca Perugini