FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Cultura > Arte > Tutti i vizi sono irresistibili veleni

Mostra “LES BORGIA ET LEUR TEMPS”

Tutti i vizi sono irresistibili veleni

La spregiudicata reputazione di questa famiglia italiana, tra le più influenti del XV e XVI secolo, ha da sempre affascinato letteratura, opera lirica, pittura, teatro, cinema e televisione o ancora il mondo più ludico dei giochi da tavolo (Borgia, le jeu Malsain), dei vidogame (Assassin’s Creed), o dei fumetti (Alejandro Jodorowsky e Milo Manara), sino al fenomeno Manga del momento : “Cesare” di Fuyumi Soryo. Il clan familiare continua ad appassionare i fan della fiction televisiva nella nuova terza stagione che romanza i destini del machiavellico Papa Alessandro VI, eletto pontefice nel 1492 (Rodrigo Borgia, 1431-1503) e i suoi tre figli : Cesare (detto il Valentino, Duca di Valentinois e di Romagna, 1475-1507 e ispiratore del trattato politico “Il Principe”, di Machiavelli) ; Giovanni, “Juan” della fiction (3° Duca di Candia, 1478-1497) e la leggendaria Lucrezia (Duchessa di Modena e Ferrara, 1480-1519).
Numerosi gli episodi oscuri legati alla veridica saga familiare : i torbidi intrighi, lo sfrenato nepotismo, le simonie (compravendita di cariche ecclesiastiche), il libertinaggio nel Palazzo Apostolico, i presunti amori incestuosi, i delitti degli oppositori fino al supposto fratricidio di Giovanni da parte di Cesare (implicata nella cronaca dell’epoca, anche l’antagonista famiglia Orsini). La Roma, di Alessandro VI, “non conosce né legge, né divinità ; (ma) l’oro, la violenza e l’impero di Venere” (Egidio di Viterbo).
Nel suo Dizionario filosofico (1764), Voltaire ne riassume la reputazione : “Lucrezia, figlia del Santo Padre, stava per partorire, e a Roma non si sapeva se il bambino fosse del Papa, o di suo figlio, il duca di Valentinois, o del marito di Lucrezia, Alfonso d’Aragona, che passava per impotente”.
La stirpe valenziana del casato di origini aragonese (XII secolo), trasferitosi a Roma intorno la metà del 1400 al seguito del cardinale Alonso Borja (italianizzato poi in Alfonso Borgia, eletto papa nel 1455 con il nome di Callisto III), vede il suo epilogo con la misteriosa morte di Alessandro VI (1503) ; provocata forse dal suo stesso veleno somministrato nelle pietanze di un banchetto destinato ad alcuni commensali suoi nemici, anch’essi intossicati. La morte del Pontefice e il crollo di Cesare segnano la decadenza della famiglia in Italia e molti dei suoi membri ritornano in Spagna. Il ramo italiano dei Borgia si estingue nel 1740 con la morte dell’ultimo discendente maschio, Don Luis Ignacio Borgia II.
La mostra del Museo Maillol permette di riorganizzare più storicamente quest’epopea affascinante e sanguinosa, rivelando i veri ritratti dei maggiori protagonisti di questa famiglia straordinaria - peraltro amante dell’arte e mecenate dei più grandi artisti del Rinascimento - ma anche quelli dei protagonisti dell’epoca : principi, filosofi, scientifici e teologi ; sullo sfondo caotico delle grandi scoperte geografiche, le guerre d’Italia e le agitazioni protestanti.
Oltre ad armature, armi e gioielli, tesi a ricostruire l’ambiente della famiglia, il percorso espositivo costruito intorno alle figure di Alessandro VI, Cesare e Lucrezia Borgia, presenta numerosi capolavori dei più grandi maestri del secolo : Giovanni Bellini, Della Robbia, Dosso Dossi, Andrea Mantegna, Melozzo da Forlì, Pinturicchio, Raffaello, Tiziano, Luca Signorelli, Verrocchio, Leonardo Da Vinci, Michelangelo. Grazie alla collaborazione delle più importanti istituzioni italiane ed europee, alcune opere sono esposte a Parigi per la prima volta ; prestiti di notevoli collezioni private internazionali, tesori conservati nelle famiglie da generazioni.
Un affascinante e immancabile viaggio nel tempo, tra arte, storia, lussuria, intrighi, rivelazioni e segreti, all’insegna del blasone più controverso del Rinascimento. L’unico modo per liberarvi dalla tentazione di andarci è cedervi !

“Les Borgia et leur temps
Da Leonardo Da Vinci
a Michelangelo”
17 settembre – 15 febbraio
Musée Maillol
59-61 rue de Grenelle - 75007 Paris
Info : www.museemaillol.com

samedi 6 décembre 2014, par Gianni Cudazzo