FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > FOCUS IN - Chi siamo > Focus In news > Un’altra dottorata in redazione

Un’altra dottorata in redazione

La nostra collaboratrice, Tiziana Jacoponi, e Focus In alla Sorbona

Tiziana Jacoponi che cura per Focus In la rubrica cinema, ha discusso ieri, 16 ottobre la tesi "Cristina Comencini - Cinécritures - Femmes", diretta dal Professore Christophe Mileschi ed è stata nominata Docteur ès Lettres con le felicitazioni della Giuria.

La Giuria, presieduta da Oreste Sacchelli, docente all’Università di Nancy e direttore artististico del famoso festival del Film Italiano di Villerupt, e composta dal Professor Mileschi, vice-presidente della SIES, dal Professor Marco Maria Gazzano e da Giorgio Vincenti (entrambi di Roma 3) non ha avuto difficoltà ad accordare alla candidata il dottorato anche se la discussione è stata vivace e spesso persino divertente, ricca di spunti di riflessioni per ricerche future.
Nutrito lo staff di Focus In nel pubblico (tra cui anche il fotografo, Matteo Pellegrinuzzi che ha fornito il reportage), e persino il Professor Mileschi, che ha già collaborato con il giornale, ha inserito un mini-spot pubblicitario per Focus-In, nella sua relazione sulla tesi della nostra collaboratrice.
L'annuncioLa candidata, con il supporto grafico del nostro direttore, Guy Estager, ha presentato un power point, cosa alquanto rara nelle discussioni di tesi, e si è avvalsa di una scenografia che comprendeva una Matrioska, bambola russa e titolo di uno dei libri più belli dell’autore studiato, Cristina Comencini.
Il folto pubblico, troppo numeroso per le dimensioni delll’aula Paul Ricoeur dell’Università di Paris X Ouest - Nanterre ha versato, come la candidata, lacrime di gioia all’annuncio della giuria. Mileschi ha subito commentato : "Arrête - si tu veux on t’enlève les félicitations".
La felicitata feliceLa redazione invece aggiunge le sue, di felicitazioni, a quest’opera che ha visto la nostra collaboratrice impegnata per anni e che aggiunge un altro mattone alla promozione di un cinema e di autori che vanno al di là dei "soliti noti". Tiziana ha anche messo in luce un aspetto della Comencini, che le tiene molto a cuore - il ruolo e il posto delle donne nella società post-femminista ed odierna, tanto che ha dedicato il suo dottorato alle donne della sua famiglia, e soprattutto a quelle che non ci sono più.

dimanche 17 octobre 2010, par Patrizia Molteni